top of page

SEGNALAZIONE "Un giorno e una donna" di Nicoletta Bortolotti


Esce oggi per HarperCollins, 30 Settembre 2022, il nuovo romanzo di Nicoletta Bortolotti dal titolo "Un giorno e una donna - Vita e passioni di Christine de Pizan, la prima scrittrice europea".

Scheda tecnica

Titolo: Un giorno e una donna

Autore: Nicoletta Bortolotti

Editore: HarperCollins

Pagine: 496

Formato: ebook, cartaceo

Prezzo: ebook €8.99, cartaceo €19.50


Sinossi

Nessuna città, nemmeno Parigi, ci aveva mai concesso la parola. Noi donne non abitavamo nessun mondo e nessun libro, e nessun libro aveva riscritto il mondo secondo noi, e ci aveva scritte.

Ha detto che uomini e donne sono uguali e che “una donna intelligente riesce a far di tutto e anzi gli uomini sarebbero molto irritati se una donna ne sapesse più di loro”. Ha detto che bisogna fare studiare le bambine e se solo le donne avessero fatto i libri... Ha detto che le donne non provano piacere a essere stuprate, come molti credono, ma subiscono un dolore senza pari. Lo ha detto un giorno in cui Parigi era un tempo più che un luogo, e l’anno 1405 era un luogo più che un tempo. Lo ha detto nel Medioevo insanguinato dalla Guerra dei cent’anni tra Francia e Inghilterra. Davanti a tutta la corte francese, a re e nobili. Christine de Pizan, nata in Italia, prima storica donna, prima editor, poetessa e scrittrice. Donna. Nicoletta Bortolotti ricostruisce la sua vita, che, dopo un’infanzia meravigliosa al seguito del padre divenuto astronomo reale a Parigi, fu colpita da lutti e rovesci che la lasciarono, giovanissima, vedova e madre. Il risultato è un libro meraviglioso che da un lato sembra provenire dal passato, a partire dalla forma epistolare scelta, che tanti capolavori ha regalato alla letteratura, e che qui si incarna nelle lettere tra una madre e una figlia. E dall’altro è assolutamente moderno. Perché molte delle conquiste sognate da Christine si sono verificate solo in anni recenti, e altre si stanno verificando adesso, o devono ancora farlo. Con "Un giorno e una donna" Nicoletta Bortolotti ha scritto un romanzo importante, che è al tempo stesso un’opera di grande valore letterario in grado di far rivivere le passioni e i sentimenti di un’epoca, un’opera di grande valore storico nella ricostruzione perfetta, per quanto immersa nell’immaginazione romanzesca, della vita e dell’opera di Christine de Pizan, e di valore etico, perché l’esempio di Christine possa servire da guida in questi anni non sempre facili.


Biografia autore

Nicoletta Bortolotti nasce in Svizzera, ma vive a Milano, dove lavora come redattrice editoriale e ghost writer. Fra i suoi romanzi: "E qualcosa rimane" (Besa editrice, premio Carver e Leonforte); "Chiamami sottovoce" (HarperCollins, premio Alvaro Bigiaretti e Giuditta), grazie a cui è stato realizzato un documentario per Rai 3; "Disegnavo pappagalli verdi alla fermata del metrò" (Giunti); la quadrilogia della Shoah ("In piedi nella neve", "La bugia che salvò il mondo", "Oskar Schindler, il giusto" ed "Exodus", Einaudi Ragazzi, premio Gigante delle Langhe e premio Letteratura Ragazzi Cassa di Cento); "Sulle onde della libertà" e "Quelle in cielo non erano stelle" (Mondadori Ragazzi, finalisti al premio Bancarellino); gli illustrati per bambini "Il cielo degli animali" (premio Scaramuzza), "L’Accademia dei cacciatori di fantasmi" (Gribaudo) e "Le sei storie del Mago di Oz", adattamento per l’infanzia del capolavoro di L. Frank Baum.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page