top of page

"Il piccolo club dei Gatti Curiosi" di Charlie Lyndhurst


In #collaborazione con il blog Tre Gatte Tra I Libri, oggi vi parlo di una nuova uscita romance per Newton Compton Editori: "Il piccolo club dei Gatti Curiosi" di Charlie Lyndhurst, in libreria e online dal 17 Ottobre 2023.

"Il piccolo club dei Gatti Curiosi" di Charlie Lyndhurst

  • Numero di pagine: 368

  • Formato: Ebook

  • ISBN: /

  • Prezzo: € 5,99

  • ⭐⭐⭐⭐

 

Cinque protagonisti totalmente diversi tra loro e un rifugio di gatti randagi da salvare. Sasha è una donna di quarantasei anni che gestisce il Fluffy Paws Cat Sanctuary, un rifugio per gatti randagi o abbandonati dai propri padroni. Il rifugio è alle strette, deve trovare una nuova casa e Sasha una soluzione per la propria casa e per il proprio lavoro. Ed è in una situazione di crisi che spunta dal passato Luke, il figlio di Sasha, dato in adozione trent'anni prima. Sasha rimane letteralmente scioccata, Luke riaccende tantissimi ricordi che la donna pensava di aver ben sepolto. Grazie ai gattini e ad alcuni volontari, Paul, Mim e Anna, Sasha riesce ad andare avanti gestendo il rifugio e il figlio ritrovato, sempre rimanendo restia ad aprirsi agli altri.

Anche se in apparenza sono gli esseri umani a salvare i gatti, in un certo senso anche loro salvano noi.

Luke è in cerca di risposte, ma trova un muro davanti a sé dato dalla sua madre biologica. Lui sicuramente non aveva calcolato il carattere schivo di Sasha, ma non aveva neanche calcolato di potersi innamorare di uno dei volontari, Paul. Quest'ultimo è un ragazzo ferito da una storia passata, tossica e difficile da superare, che prova a farsi strada nel mondo a modo proprio. Poi c'è Anna, una donna che ha perso i suoi genitori da poco e deve prendere decisioni importanti nella sua vita, ma soffre d'ansia e non riesce spesso a pensare lucidamente, se non quando è circondata da gatti. Infine Mim, una donna allegra ed estroversa all'apparenza, ma che nasconde un grande dolore dentro. Le loro vite si intrecciano grazie al rifugio, ma il loro legame diventerà sempre più forte col passare dei giorni grazie ai piccoli amici baffuti e a quel luogo che ormai non è soltanto una semplice dimora per gatti randagi.

 

E' un romanzo pieno di cose, pieno di argomenti e potrei parlarne veramente per ore, in bene e in male, per questo non mi ha pienamente convinta. Ogni personaggio è perfettamente descritto e caratterizzato, inquadrato nei propri schemi e nel proprio percorso, fatto di alti e bassi così come è la vita, e questo mi è piaciuto molto, perché questo romanzo porta cinque persone totalmente diverse tra loro, cinque personalità completamente differenti, ma che in qualche modo riescono a completarsi, ad aiutarsi e a sostenersi. Naturalmente il filo logico che li collega è il Fluffy Paws Cat Sanctuary, il centro di proprietà di Sasha che accoglie gatti e volontari, ma ci sono anche molti valori importanti che emergono, come quelli della famiglia e dell'amicizia.

Non sempre facciamo la cosa giusta. Gli esseri umani non sono sempre razionali, a volte possono ingarbugliarsi. Anche se dobbiamo convivere con le nostre decisioni, non significa che siamo costretti a portarci dietro il loro peso per sempre.

Sasha e Luke sono legati dal loro rapporto madre-figlio ritrovato, seppur complicato inizialmente e totalmente inaspettato da parte di Sasha, un'ulteriore difficoltà tra le mille della donna. Il rifugio deve trovare una nuova casa così come lei stessa, le tasse aumentano, tutto va come non deve andare e a lei sembra esser caduta la terra da sotto i piedi, ma con l'aiuto delle persone che la circondano sembra ritornare tutto al posto giusto. E' restia a chiedere aiuto, abituata ad esser sempre sola e cavarsela sempre sola, ma quando gli altri si espongono maggiormente riesce finalmente a lasciarsi andare. Sasha è diventata madre troppo presto, senza un compagno e senza volerlo, e questo è un peso che si porta dietro da anni. Luke è una boccata d'aria fresca per lei, anche se non lo capisce da subito. Il figlio è in grado di riaprire ferite e ricordi chiusi da tempo, ma anche quel muro pian piano si sgretola, tra un gatto e l'altro.

[…] Che è impossibile avere una certezza assoluta nelle questioni di cuore e che, se non ti butti in qualcosa che ritieni giusto, non saprai mai che cosa ti sei perso.

Ed è con Luke che apriamo ad un altro argomento molto importante, quella LGBTQ+, perché Luke inizia una semi-relazione con Paul, ma anche questa ha alti e bassi, nonostante io abbia sempre apprezzato nel loro rapporto il loro costante dialogo, il loro scambio di opinioni sempre oneste e sincere, anche nei loro momenti negativi. Luke e Paul sono il sole e la luna, ma sono entrambi bravissimi ragazzi, perfetti insieme, in grado di sostenersi e completarsi. Paul ha un bagaglio emotivo pesante che si porta dietro, è stato ferito e fa fatica a riaprirsi all'amore, lo tiene lontano nonostante l'attrazione innegabile che prova nei confronti del nuovo arrivato.

Perché le persone sono complesse e l'amore è un vero caos. Chi ha il cuore spezzato non sempre si comporta in modo logico.

Con Mim affrontiamo il tema della mancata maternità: una donna spezzata dentro ma esternamente piena di vita, sempre solare e gentile, piena d'amore da dare e da ricevere, che inizialmente sembra burbera e chiusa nonostante le grandi feste che ama intrattenere, ma poi, infine, riesce ad aprirsi alla famiglia e all'amore. Infine, con Anna il tema dei disturbi mentali e della depressione. Anna penso sia il personaggio più complesso in questo romanzo, quello forse più lungamente descritto e raccontato, più approfondito, più difficile da seguire e da capire. E Anna è anche il personaggio che cresce maggiormente, che si apre di più e che matura, affrontando i propri demoni con le giuste cure mediche e con il supporto dei propri nuovi amici.

Le persone sono così deludenti… non come i gatti.

E' un romanzo veramente ricco di tematiche importanti, pieno di tante cose e di tanti dettagli che si intrecciano, l'ho trovato leggermente lungo e un po' prolisso sulla storia del "nuovo" rifugio. Infine, mi è piaciuto naturalmente il filo conduttore sui gattini e ho apprezzato la descrizione sulle necessità dei gatti a livello veterinario, puntando così l'attenzione sul volontariato e sul bisogno di aver cure necessarie per gli animali randagi.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page