top of page

"Lithe" di Thalia Owl


Lithe” di Thalia Owl, primo volume autoconclusivo della "Sport Men Series", è un romanzo intrigante e perfetto per chi come me odia aspettare.


"Lithe" di Thalia Owl

  • Collana: Floreale (Pubme)

  • Numero di pagine: 291

  • Formato: Libro - Brossura

  • ISBN: 9791254580745

  • Prezzo: € 16,00

  • ⭐⭐⭐⭐⭐

 

Mabel Thane è una ragazza indipendente, vive da sola e a volte si sente anche sola, dal momento che i suoi genitori hanno divorziato e formato altre famiglie. È descritta come una ragazza gentile, sveglia, con la passione per la pasticceria e il sogno di diventare giornalista. Mabel non ama andare alle feste, bensì preferisce stare a casa sua con la sua migliore amica Rory a bere un buon bicchiere di vino. Costretta da Rory, si ritrova ad una festa universitaria. È proprio lì che Rowan Grey, campione della squadra di basket, la bacia improvvisamente, senza dire una parola. La storia parte immediatamente: i due iniziano ad essere amici, ma l’attrazione è incontrollabile, la scintilla è sempre accesa, non c’è indifferenza tra i due. Rowan convive con il peso di un padre detestabile e meschino, per questo non riesce a lasciarsi andare completamente. Riuscirà ad ottenere la vittoria sul campo e nella vita?

“Capita anche a te, di voler ricominciare da zero, di voler cambiare il passato per avere anche solo una possibilità di essere veramente felice?”
 

Come dicevo, questo romanzo è perfetto per chi non sa aspettare. Spesso, specialmente nei romanzi d’amore, le storie impiegano molto tempo ad ingranare. In questo caso, la storia parte fin da subito, come un fulmine a ciel sereno, con un bacio. Può sembrare che Rowan Grey sia il tipico ragazzo “alfa” del college, il campione di basket titolato per l’NBA, ma non è così: è un ragazzo semplice, consapevole di essere bravo nello sport che ama, ma non superbo o vanitoso. Lo sovrasta l’ombra del padre, un uomo che lo umilia, che non gli lascia libertà di scelta sui suoi hobby e sulle sue frequentazioni, per cui l’unica cosa che conta è il basket. Per fare un paragone, se conoscete la serie “One Tree Hill”, il padre di Rowan è Dan Scott. Rowan trova in Mabel tutto ciò che non ha: dolcezza, leggerezza e spensieratezza. Lei, invece, è attratta dalla sensazione di “casa” che sente con Rowan, si sente a suo agio con lui anche nel suo stesso appartamento, personale e intimo. Per Rowan è stato un vero e proprio colpo di fulmine, mentre Mabel si porta dentro tutte le sensazioni di quello scontro così casuale e improvviso. La fortuna, per i due, è stata quella di trovarsi e di trattenersi, di capire praticamente da subito, seppur con qualche remora, di appartenersi. Una bellissima storia di rinascita, secondo me, per entrambi i personaggi. Questo romanzo, alternando i punti di vista, entra nei pensieri dei due protagonisti narrandone le emozioni e sensazioni, facendoli indagare nelle proprie coscienze e scavare nel proprio animo. Non mancano la passione, l’intrigo, l’attrazione, il dubbio. Una lettura che sicuramente ha fatto canestro!



4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page