top of page

"Ponte di anime" di Victoria Schwab


Ultimo capitolo di una trilogia che mi ha appassionato e tenuta incollata alle pagine, "Ponte di anime" di Victoria Schwab chiude la storia di Cassidy Blake, di Jacob e di Lara e di tutte le anime oltre il velo.


"Ponte di anime" di Victoria Schwab

  • Collana: Fantastica

  • Numero di pagine: 352

  • Formato: Brossura

  • ISBN: 9788804742630

  • Prezzo: € 15,00

  • ⭐⭐⭐⭐⭐

 

In questo terzo capitolo, Cassidy Blake e i suoi amati genitori, i Fantadetective, volano verso New Orleans, città che non dorme mai e naturalmente super infestata, per girare il programma televisivo che li rende protagonisti.

New Orleans è... una faccenda diversa. Non è il genere di posto che riesci a immortalare in una foto.

New Orleans è una delle città più frenetiche dell'intero continente americano, conosciuta in tutto il mondo per il suo quartiere francese, ma anche per le leggende sui vampiri, su magie antiche e su società segrete. Qui Cassidy non incontra, però, un semplice spirito, ma un Emissario della Morte in persona. Tra sedute spiritiche e nuovi incontri, la giovane traversante avrà bisogno di tutto l'aiuto possibile. Ma le carte sono chiare, non potrà vincere senza perdere, qualunque scelta farà. Ma cosa c'è in gioco? Lara o Jacob o la sua stessa vita?

 

Questo è stato il mio libro preferito dell'intera trilogia e naturalmente un grande punto a favore è stata l'ambientazione, New Orleans.

«Questa città somiglia a una fenice» commenta la mamma. «Risorge sempre dalle sue ceneri.» Fuoco e cenere. Ci credo che sento il gusto del fumo.

La caratterizzazione dei luoghi più infestati della città è meravigliosa, dettagliata e descritta in modo da non annoiare minimamente, con i giusti particolari e la giusta lunghezza. Il ritmo è incalzante, come del resto i primi due volumi della trilogia, ma in questo caso non è Cassidy ad andare alla ricerca dei fantasmi, bensì la morte a dare la caccia alla giovane, e questo passaggio credo abbia letteralmente svoltato la storia. Se prima vedevamo un certo senso di avventura nella protagonista, coraggiosa e impavida, ora scorgiamo la paura, quella vera, non di morire, ma di perdere ciò che ha di più caro al mondo: Jacob e Lara.

Allungo una mano e sento il sipario invisibile carezzarmi le dita. Il confine tra la terra dei vivi e il mondo dei morti. Devo solo stringere la presa, scansare quella coltre grigia e attraversarla. So cosa fare... eppure mi ritrovo a esitare, spaventata all'idea di cos'altro può attendermi nel Velo.

Ho apprezzato molto anche la breve descrizione dei momenti di "quasi morte" di Lara, perché si sono intraviste finalmente le fragilità di una ragazzina come tante, spesso lasciata sola dai genitori, con un mondo da affrontare. Jacob è sempre il solito burlone, ma anche per lui c'è stato qualche istante di terrore. Direi che la sfumatura di questo terzo libro è più cupa, più dark, ma non potevo aspettarmi altro da un finale di trilogia. Ora mi aspetto soltanto l'evoluzione della Società Segreta del Gatto Nero, magari in una nuova trilogia o in qualche libro autoconclusivo.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page