top of page

"Resilience" di Stefania Fiorino


Grazie alla preziosa collaborazione con l'autrice e alla sua immensa pazienza, stasera vi parlo finalmente di "Resilience", secondo volume della dilogia firmata da Stefania Fiorino, seguito di "Hold Me". Si consiglia la lettura del primo volume, prima di leggere questa recensione.


"Resilience" di Stefania Fiorino

  • Numero di pagine: 383

  • Formato: Libro - Brossura

  • ISBN: 9798783943539

  • Prezzo: € 12,00

  • ⭐⭐⭐⭐⭐

 

Camille ha avuto un incidente, è quasi morta e non si sa se riuscirà a risvegliarsi dal coma. Aaron è in uno stato di trance, non riesce a parlare e non riesce a combattere, si è chiuso a riccio e ritiene la sorella April responsabile dell'incidente. Alison prova ad essere forte, ma è grazie all'aiuto di Jason che riesce a non crollare e ad aiutare Aaron, per quanto difficile sia. Jason, dal canto suo, ha il suo passato da affrontare, tra incomprensioni e vecchi tormenti. Tra la migliore amica che si sente impotente e il grande amore che ha costruito un muro attorno a sé, Camille riuscirà a rivedere la luce o rimarrà soltanto un ricordo del passato? Attraverso un percorso di resilienza, i protagonisti già conosciuti in "Hold me" affronteranno il proprio dolore e andranno avanti, riscoprendo le gioie della vita, finché tutto finalmente andrà al posto giusto.

L'amore non è perfezione, è timidezza, è dire la cosa sbagliata quando si ha paura, è esser sé stessi, soprattutto quando esserlo ci consuma, l'amore è essere felici.
 

Cosa dire? Ho divorato il primo e questo mi è piaciuto ancora di più, perché mi ha coinvolto, perché mi ha tenuta col fiato sospeso in molti momenti, perché nulla è stato scontato o banale. I punti di vista cambiano all'interno dei capitoli, per cui scopriamo diverse sfaccettature delle stesse situazioni, diversi pensieri, diverse impronte caratteriali. Mentre Jason appare per lo più composto, garbato, riflessivo, esclusi pochi momenti, Aaron è più irruento, istintivo e impulsivo, ma anche dolce, attento e premuroso. I due ragazzi sono i personaggi che ho amato di più in questo secondo romanzo, perché li ho conosciuti maggiormente e li ho visti maturare, apprezzandoli pagina per pagina.

La compagna perfetta, l'anima che si congiunge alla mia senza alcuna difficoltà. Sono proprio fortunato.

Jason e Aaron hanno trovato le loro anime gemelle, Alison e Camille, così come April ha scoperto l'amore con Jared, ma l'incidente ha praticamente bloccato tutti in un limbo da cui non riescono ad uscire. Tutti fuggono dall'amore, nessuno ha il cuore libero, e sono veramente pochi i momenti in cui i nostri protagonisti vedono la luce. "Impotenza" è la parola che aleggia sulle loro anime. Mi sono immedesimata nei sentimenti dei protagonisti e ho provato le loro stesse emozioni: prima attesa, ansia, paura, poi gioia, felicità, alternate a rabbia e vera e propria fatica in alcuni momenti. In questo secondo romanzo ho letteralmente odiato il personaggio di Brian, perché ho trovato le sue pretese insensate e i suoi sentimenti non veritieri, ma dettati dalle ferite del passato. Ci sono tanti "non detti", le incomprensioni sono quasi all'ordine del giorno e i dubbi vengono repressi, non espressi, creando spesso reali conflitti.

Camille, i silenzi uccidono. Sono sassi che nascondiamo nelle tasche, ma che con il tempo diventano macigni, arriverai ad un punto in cui anche solo camminare ti costerà fatica.

La lettura è fluida, è semplice, ma descrive una certa complessità alla base del romanzo, tra il repentino cambio dei punti di vista, l'immedesimazione di volta in volta in un nuovo personaggio, con caratteristiche e modi di fare diversi gli uni dagli altri. Questo secondo capitolo chiude il cerchio di un intreccio di vite, di una serie di amicizie nate per caso e diventate fondamentali per la nascita di un nuovo ciclo di vite di cui potrei già intravedere il futuro. Resto in attesa di nuovi scritti dell'autrice, ricchi di pathos crescente e di spiragli di vita reale esattamente come questi letti, se non più coinvolgenti ancora.




13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page