top of page

"Sotto le stelle di Parigi" di Cassandra Rocca


In #collaborazione con il blog Tre Gatte Tra I Libri, oggi vi parlo di una nuova uscita tra i romance della narrativa italiana: "Sotto le stelle di Parigi" di Cassandra Rocca, pubblicato da Newton Compton Editori il 31 Gennaio 2023.

"Sotto le stelle di Parigi" di Cassandra Rocca

  • Numero di pagine: 288

  • Formato: Libro - Brossura

  • ISBN: 9788822772695

  • Prezzo: € 9,90

  • ⭐⭐⭐⭐⭐

 

Un sogno infranto, una carriera stroncata per una bruttissima caduta durante uno spettacolo. E' questo ciò che è successo a Nina sei anni fa ed è questo che l'ha portata lontano da casa sua, lontano dall'America e da sua nonna, una delle più famose étoile del mondo.

Non si sarebbe mai più appassionata a niente in quel modo. Non si sarebbe mai più impegnata in qualcosa in cui non fosse stata certa di eccellere. Non avrebbe mai più messo i propri sogni prima di tutto il resto.

Nina ora vive a Parigi e dipinge, ritrae le persone che la attraggono, in particolare quelle in cui vede la stessa malinconia che prova lei, gli stessi dolori e le stesse preoccupazioni. In particolare, è proprio il ritratto di uomo avvenente fatto anni prima a farle sperare che per lei ci sia ancora un futuro felice e pieno d'amore. Ma quell'uomo, tanto bello quanto triste, non è uno qualunque, come Nina ben presto scoprirà, bensì Marc Legrand, un giovane pianista di fama mondiale diventato bambino prodigio già durante l'infanzia.

L'avvenente pianista sembrò avvertire l'intensità del suo sguardo e si voltò nella sua direzione, facendola sussultare. I loro occhi si incontrarono e Nina provò un senso di vertigine, seguito da una strana immobilità.

Stefan, caro amico di Nina e proprietario di una scuola di danza, chiede aiuto proprio alla ragazza per preparare le sue allieve a un'audizione molto importante: fare parte dello spettacolo di Marc Legrand in occasione della riapertura del teatro della sua famiglia. Nina fatica a tornare sul palco, perché ballare le riapre vecchie ferite. Inoltre, tra Nina e Marc c'è una strana chimica… sarà odio o sarà amore?

Aveva un profumo leggerissimo, eppure lo avvertiva distintamente. Dolce, simile al cioccolato, con qualche nota speziata che contribuiva a renderlo meno stucchevole. Gli sembrava di averlo addosso, anche se non l'aveva nemmeno sfiorata.

I due passano sempre più tempo insieme, anche grazie al lavoro proposto a Nina di dipingere il ritratto del grande pianista proprio in vista dell'apertura del teatro. I loro occhi si parlano più di quanto i due riescano effettivamente a fare, ma non riescono a lasciare andare le proprie corazze, non riescono a fidarsi l'uno dell'altra. Spesso, però, il futuro è imprevedibile e i sogni si realizzano…

 
I motivi di quel nervosismo non gli erano chiari. Forse era dovuto al fatto che sembrava capace di leggergli dentro come nessun altro, scavalcando senza difficoltà le barriere che negli anni aveva eretto attorno a sé e portandolo ad aprirsi in modo inquietante. Oppure era il suo apparente disinteresse nei suoi confronti. Sì, quello lo infastidiva moltissimo. Mentre lui non riusciva a staccarle gli occhi di dosso, Nina sembrava non guardarlo davvero. Non con un interesse femminile, almeno. Ai suoi occhi era una specie di natura morta da osservare, misurare e poi dipingere, nulla più. Un colpo basso per il suo amor proprio.

Questo romanzo è stato un bel viaggio, un crescendo di emozioni per nulla scontato o banale. Per gli appassionati di danza, è come se fossimo in un nuovo film di Step Up, in cui la protagonista è una ballerina con un sogno infranto che ritrova la speranza e non solo. Ma andiamo per ordine. La storia parte a "tragedia" già avvenuta, a distanza dall'incidente che coinvolse Nina in America. Nina è il nome che la donna ha scelto per scappare dagli articoli di giornale, da tutte le maldicenze, dalla sua vecchia vita in cui si è sentita tradita e umiliata persino da sua nonna.

Mi sento come imprigionata in un mondo dal quale non riesco a uscire, nonostante i miei sforzi.

Nina è forte, indipendente, vera, non riesce a mascherare le proprie fragilità e le proprie insicurezze, ma è anche sicura di sé quando si tratta di far valere il proprio pensiero. E' schietta e onesta, è leale, ma si vergogna del proprio passato e lo omette, non riesce ad aprirsi con gli altri, né tanto meno con Marc. Lui, al contrario, con Nina riesce ad aprirsi, a sciogliersi, raccontandole anche i dettagli più privati del rapporto con il padre. Ho amato la trasferta a Disneyland, le loro interazioni e la loro alchimia, quel bacio mancato e quello sguardo profondo che si nota soltanto tra due anime affini.

Aver scorto sotto la superficie un'anima ferita aveva fatto sì che il suo giudizio verso Marc cambiasse in modo radicale; vederlo ridere e scherzare come un adolescente, poi, lo aveva reso più umano ai suoi occhi.

Non ci sono scene particolarmente piccanti, ma ci sono alcune situazioni molto accattivanti, momenti intimi in cui tra i due si vede una scintilla che non scatta mai completamente, per pudore o semplicemente per paura. Ciò che più mi ha colpito di questo romanzo sono le storie personali dei due protagonisti, due storie lontane tra loro, ma di due persone accomunate dal fatto di aver perso la speranza. Nina ha chiuso il suo sogno nel cassetto e non ha motivo di riprenderlo, se non fosse per Marc che entra nella sua vita e quasi la obbliga a ritornare sui propri passi.

Tu non hai deluso te stessa cadendo sul palcoscenico. Deludi te stessa ogni giorno privandoti della possibilità di riprovarci.

D'altro canto, con i suoi comportamenti e i suoi modi di fare, Nina sprona Marc ad essere più spontaneo e meno impostato. I due si completano, nonostante all'inizio non riescano a trovare un punto di incontro. Per chi come Marc è abituato a far cadere le donne ai propri piedi, conoscere Nina è stato stravolgente e completamente diverso. Marc prova a conquistarla, ma non ci riesce senza togliersi qualche maschera, senza diventare la versione migliore di sè stesso, quella malinconica, inquieta, ferita.

Impossibile riportare su tela tutto il suo fascino, il magnetismo, il mondo che racchiudeva dietro i suoi occhi acquamarina...

Importante anche l'intervento di Stefan, amico di Nina, un personaggio sicuramente interessante, ben caratterizzato, molto estroverso, dall'animo buono e generoso. Il suo contributo nella storia tra Marc e Nina è importante, anche se i due non se ne rendono conto. Tutta la trama è basata su un gioco di incontri e scontri, forse su un destino già delineato e ben scritto. Ho apprezzato anche il fatto che nel romanzo siano stati toccati temi molto importanti quali la fiducia in sé e i disturbi alimentari. In qualche modo, nel romanzo vediamo che la vita dei bambini prodigio, quali sono stati Nina e Marc, non è stata priva di sacrifici e piena di privilegi come si potrebbe pensare da fuori.

[...] Perché lo è, La vita è una sfida continua per tutti, non essere così presuntuosa da pensare che per te sia diverso o più difficile.

Una storia più profonda di quanto si possa pensare, una storia importante che porta a galla diversi argomenti, una prova di coraggio per entrambi i protagonisti, straordinari già da soli, ma felici e liberi soltanto insieme.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page