top of page

"Ti odio ma non abbastanza" di Elettra Doner


In #collaborazione con Queen Edizioni, oggi è il turno di "Ti odio ma non abbastanza" di Elettra Doner, un nuovo sport romance leggero e appassionante pubblicato ieri, 10 Novembre 2023.

"Ti odio ma non abbastanza" di Elettra Doner

  • Numero di pagine: 300

  • Formato: Ebook

  • ISBN: /

  • Prezzo: € 2,99

  • ⭐⭐⭐⭐⭐

 
Ma non era così che funzionava. Le relazioni non sono universi dai quali si può uscire e basta. I rapporti infettano e cambiano. Sono uragani, piaghe, terremoti.

Desdemona, per i suoi amici Des, è una ragazza per così dire atipica, diversa dalle sue coetanee tutte trucco, vestiti, ragazzi e festini. A Des piacciono i fumetti in generale, specialmente quelli di Mint Man, le serate tranquille con gli amici a mangiare pizza e giocare ai videogiochi, non le piace particolarmente acconciarsi o truccarsi. Des è sempre stata se stessa, fin da piccola, non è mai cambiata né per gli altri né tanto meno per il suo migliore amico, la sua metà, Byron Greyson, colui che sette anni prima, durante il primo anno di liceo, le aveva spezzato il cuore. Ma ora, al college, le carte in tavola si mischiano nuovamente.

Desdemona era stata… Cristo, neanche lui aveva idea di come definire il legame che li aveva uniti. Cosa quella ragazza avesse rappresentato per lui. Lei era… semplicemente lei. Il mio tutto. La mia sola lei.

Tramite l'intercessione, o meglio costrizione, delle loro madri, ancora molto amiche, Byron e Desdemona ritornano a frequentarsi: Desdemona aiuterà Byron, il quarterback dei Western Falcon, l'intoccabile e irraggiungibile Byron Greyson, a rimediare ai suoi pessimi voti per mantenere la borsa di studio, a patto che il ragazzo si unisca alla confraternita creata da Des e dai suoi amici Eddie e Nerea. Byron ha bisogno di lei tanto quanto Des ha bisogno di lui, ma tra i due scorre ancora tanto astio, nascono tante incomprensioni ed emergono sempre più dettagli del passato.

Ancora una volta, dovette fare i conti con il fatto che la ragazzina dei suoi ricordi fosse diventata una donna.

Byron ha due amici e compagni di squadra, Trevor e Joseph, che lo supportano in tutto e lo spingono ad affrontare il proprio passato, a costo di dire tutta la verità a Des, così come fanno per Des Eddie e Nerea. Questi sei personaggi affrontano molte circostanze insieme, passano diverso tempo in compagnia, vanno a delle feste e tutto per far andare almeno d'accordo i due protagonisti. Ma le ferite sono ancora ben vivide nei ricordi dei due e andare avanti, ricucire i rapporti, sarà praticamente impossibile se entrambi non riusciranno a mettere da parte le loro divergenze e far uscire finalmente tutta la verità su ciò che avvenne sette anni prima.

 
Ma ci sono ferite che non possono rimarginarsi senza un confronto. Senza il coraggio di affrontare chi ce le ha procurate mettendosi in gioco. Anche a costo di farsi male. O di rovinare una reputazione costruita con sforzo e fatica negli ultimi anni.

Questo romanzo è stata una boccata d'aria fresca: leggero, scorrevole, un new adult semplice e perfetto per una lettura non pretenziosa. Provando ad analizzarlo per bene, il romanzo si svolge su due filoni temporali, che sono presente e passato. Byron e Des si ritrovano a distanza di sette anni dal loro ultimo incontro-scontro costretti a dover passare del tempo insieme, ma nessuno dei due ha mai dimenticato l'altro, nemmeno per un istante. Infatti, più andiamo avanti nella lettura, più troviamo flashback di quando erano più piccoli, dal loro primissimo incontro da bambini al loro appunto ultimo. Tramite questi flashback emergono anche delle profonde differenze caratteriali tra i due, segno che i personaggi sono profondamente caratterizzati in tutto il romanzo, fin da bambini.

Le emozioni erano sempre palesi sul suo volto: diventava paonazza se in imbarazzo o furiosa. Non aveva modo di filtrare ciò che provava.

Des è come abbiamo già detto, un po' atipica, potremmo definirla nerd forse, semplice e lineare, non si nasconde dietro l'apparenza e non mette maschere. Da piccola la vediamo come un fiume in piena, capace di parlare per ore delle sue passioni, da adolescente sempre solare e spontanea, disponibile e umile, da adulta sempre la stessa, coerente con se stessa e con l'immagine che vuole dare di sé. Al contrario, Byron indossa diverse maschere: è l'idolo del college, il quarterback della squadra, quello capace di andare con chiunque e conquistare donne e uomini, ma soltanto dopo qualche drink, soltanto con la spinta dell'alcol, altrimenti è un ragazzo timido, introverso, che fa fatica ad aprirsi e a fidarsi degli altri.

C'erano solo tre persone, in tutto il mondo, con le quali si era sentito libero di essere sé stesso anche da sobrio. Due lo stavano aiutando a controllare degli idioti che era stato costretto a portare alla festa. La terza era appoggiata al suo torace.

Praticamente i due protagonisti sono il sole e la luna, il giorno e la notte, non potrebbero essere più diversi, ma per questo perfettamente compatibili. Mi ha fatto sorridere in particolare il punto di vista di Byron sul primo incontro con la ragazza: lui zitto e quasi scontroso, lei un fiume in piena di parole, ma entrambi felici perché lei si sentiva ascoltata e lui non si sentiva forzato a dover interagire diversamente da come si sentiva. Sono le loro passioni ad unirli, sono passioni che continuano ad avere e portare avanti, Des alla luce del sole, Byron nell'ombra della sua casa d'origine. I loro incontri sono fuoco e fiamme, non perché siano particolarmente passionali all'inizio, ma perché pieni di discussioni e di astio, di delusione e risentimento.

Baciava e pretendeva, stringendola come se fosse la cosa più preziosa e desiderabile del mondo.

L'interazione e il tempo passato insieme, però, li porta a cadere in vecchi schemi, a pensare al passato trasferendolo al presente. Il ragazzo non ha mai smesso di amare Des e lo ammette candidamente anche abbastanza in fretta a sé stesso, ma non si fida di lei per ciò che le ha fatto, per il suo tirarsi indietro di sette anni prima, per la paura di essere nuovamente ferito e devastato. E Des non capisce, non riesce a capacitarsi del fatto che lui possa sentirsi così ferito e risentito visto che la scelta era stata proprio sua, era colpa sua se il rapporto si era chiuso da un giorno all'altro senza grandi spiegazioni.

Quel bacio non era stato solo realistico. Aveva, molto probabilmente, appena rovinato ogni sua relazione futura. Nessuno, mai, sarebbe stato in grado di eguagliarlo. Neanche in una vita intera.

Quando la verità emerge, i due non sanno come sistemare la situazione, anche se sicuramente Byron è quello che ha le idee più chiare tra i due. La vuole, la desidera e qualche scena piccante ci viene data da leggere. I due sembrano perfetti insieme, ma il passato non scompare magicamente. Lascio a voi leggere il romanzo e soprattutto il finale commuovente!

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page