top of page

"When wishes bleed" di Casey L. Bond


In #collaborazione con Queen Edizioni, oggi partecipo al Review Party di "When wishes bleed" di Casey L. Bond, pubblicato il 15 Maggio 2023.

"When wishes bleed" di Casey L. Bond

  • Numero di pagine: 393

  • Formato: Libro - Brossura

  • ISBN: 9788892891401

  • Prezzo: € 16,90

  • ⭐⭐⭐⭐⭐

 
Il Fato, come ben sapevo, era reale. Non era un oscuro concetto del destino o un sogno riguardo a ciò che il futuro aveva in serbo. E, poco ma sicuro, non era né fortuna né un pozzo dei desideri. Era senziente ed era vivo e vegeto. Ero la figlia del Fato e lui viveva in me.

Sable ha sempre saputo di essere la figlia del Fato, colei che le altre streghe odiano e temono per i suoi poteri di predizione e di esecuzione, ma anche di tanto altro. Lei è ciò che serve perché rimanga la pace all'interno del Settore Tredici, ma nessuno le è riconoscente o le è amico, a parte Brecan, uno stregone della Casa dell'Aria, una delle cinque Case del Settore: Aria, Acqua, Terra, Fuoco, Fato. Mentre in tutte le altre Case c'è una reggente e degli stregoni, Sable è la Casa del Fato, unica "abitante" e reggente, il Fato vive praticamente in lei come una voce guida, le indica cosa fare o non fare tramite strani comportamenti.

Quando afferrai la sua mano, non riuscii a trattenere un sussulto. Nella mia mente, mi aveva baciato. Febbrilmente. Mi chiesi se avesse visto la stessa cosa, perché ritrasse la sua mano, guardandomi come se gli avessi lanciato una maledizione.

Durante le celebrazioni dell'equinozio, unico giorno in cui il Settore Tredici è aperto agli altri settori del regno, però, la vita di Sable prende una strana piega a causa di un incontro con un ragazzo, un giovane affascinante e ubriaco, che piomba in casa sua e affronta una spaventosa e dolorosa lettura del futuro: l'osso dei desideri inizia a sanguinare, segno di morte imminente per mano altrui. Sable vede tutti i modi in cui quel giovane potrebbe morire e con sincerità e preoccupazione confessa ciò al ragazzo, che va via promettendo di ripagarla per i suoi servigi. Ma il ragazzo non è uno qualunque, bensì il principe Tauren di Nautilus, il futuro re.

«[...] allora che cos'è?» Il destino, avrei voluto dire, mentre del calore mi si propagava nel ventre. Questo è il destino.

Il principe invita Sable a palazzo per partecipare al suo "programma": una ragazza di ogni Settore è stata invitata per partecipare e poter diventare la futura moglie del principe, nonché prossima regina in carica. Sable non potrà diventare moglie del principe, sa bene quali sono le regole del Settore Tredici e delle streghe e dovrà soltanto occuparsi di proteggere il principe e far finta di competere per le telecamere. Ma la finzione diventa in qualche modo realtà, le streghe non sono contente di ciò anche se il Fato lo desidera. Il destino di Tauren è nelle mani di Sable, così come quello dell'intero popolo di streghe e stregoni: c'è una vecchia minaccia pronta a ripresentarsi e riprendere tutto il potere che le era stato negato in passato.

 
Nulla di te è mondano o comune, Sable.

Ho amato questo libro per tantissimi motivi, ma primo tra tutti per la sua protagonista. Sable è un'eroina fuori dal comune. Non è amata, venerata, rispettata, anzi, risulta la pecora nera del gruppo, la voce fuori dal coro, quella che si potrebbe definire un'emarginata, un'esclusa. Sable in qualche modo soffre questo distacco dalle streghe e dagli stregoni, anche se non lo da a vedere, e sa che deve farsi guidare dal Fato per sopravvivere, l'ha sempre fatto e si fida di "lui". Persino quando il Fato la incoraggia a prendere parte alla "sfida" peer il cuore del principe, Sable capisce che è la cosa giusta da fare.

Una piccola scintilla era il miglior modo per descrivere come mi sentivo. Ma una scintilla, per quanto grande, non era abbastanza quando volevo un inferno. Volevo desiderare con ogni centimetro del mio essere l'uomo a cui mi sarei legata. Ogni pensiero. Ogni respiro. Ogni battito del mio cuore sarebbe stato per lui.

Gli stregoni e le streghe hanno un patto implicito: ad ogni solstizio d'inverno si legano ad un altro stregone o strega e al solstizio d'inverno successivo il legame si scioglie come se nulla fosse. Hanno praticamente un matrimonio di un anno, poi sono liberi di legarsi a qualcun altro. Sable ha sempre voluto di più, per questo non cede alle avance di Brecan, né alla sua proposta di legarsi a lui. Quando la protagonista conosce il principe, pur non sapendo la sua vera identità, si sente legata a lui, si sente in pena per lui e non vuole che lui muoia.

Le mie guance bruciavano come se la realtà mi avesse dato uno schiaffo. Lui era il principe e io una strega del Patibolo. Nemmeno il Fato avrebbe potuto cambiare le cose.

Mi è piaciuto molto come è stato introdotto il personaggio di Tauren. Nonostante fosse un principe, durante il primo incontro con Sable è apparso vulnerabile, ubriaco e umano, dolce agli occhi della strega. Il personaggio si mantiene dolce per tutta la durata del romanzo, ma si scopre anche gentile, disponibile, attento a ciò che lo circonda, soprattutto alla ragazza e a ciò che fa o evita. Le ragazze dei vari Settori sono tutte particolari e bellissime, sono tutte attente ai desideri e al volere del loro principe, chi più chi meno.

Tutto quello che sapevo era che qualcosa in lui era mio e che qualcosa in me apparteneva a lui. Non potevo lasciare che qualcuno lo spegnesse.

I due hanno vari momenti, tutti vedono la loro affinità nonostante siano due persone completamente diverse, tutti vedono la loro chimica, l'alchimia che intercorre tra di loro. Sable si preoccupa per il principe anche se cerca di negare i suoi sentimenti a se stessa e agli altri, finché non è più in grado di farlo. Lui, invece, fin da subito palesa la sua simpatia nei confronti della strega, come se avesse avuto un colpo di fulmine fin dalla sera dell'equinozio. Sable salva il principe in più di un'occasione e i loro sentimenti crescono di conseguenza. Le ragazze nel castello vedono ciò che accade tra i due, perciò si creano dinamiche di antipatie, simpatie, invidie, emozioni normali tra ragazze in competizione.

Ed eccolo. Lo sguardo che Mira aveva descritto. In parte dolore. In parte desiderio. In parte lussuria. La mia pelle bruciava sotto il suo sguardo.

Il ritmo è incalzante, la lettura scorre senza problemi e ci sono diversi colpi di scena, la magia è al centro del romanzo così come l'amore. Ho amato molto il modo in cui è stata presentata la magia, come ci è stata raccontata in tutte le sue sfaccettature e i suoi elementi: aria, acqua, terra, fuoco e Fato. Ogni elemento ha il suo momento, ha la sua guida nei vari personaggi, principali o secondari. Tra i personaggi secondari che mi son piaciuti di più ci sono sicuramente Mira, che tesse grazie a due ragnetti i vestiti di Sable ed è comunque una cara amica nei confronti della strega, e i genitori del principe, molto comprensivi, affettuosi e comunque distinti come compete il loro ruolo.

I vostri destini sono uno, rispose. Un principe. Una strega. Un destino.

E' un fantasy completo, molto accattivante e avvincente, appassionante e romantico in alcuni momenti, ricco di suspense in altri. E' un altro bel fantasy per la CE, che continua a presentare scelte molto diverse in stile, trama e personaggi, ma che comunque risultano trascinanti e nuove.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page